luglio 2019 eNews

Saluti da Pittsburgh! Nella parte del mondo in cui viviamo l’estate è già avanzata, e quindi io e Joe ci stiamo godendo molto più tempo all’aria aperta. Nel corso degli anni, sono nate molte nuove amicizie con i sostenitori di Elisabeth provenienti da tutto il mondo. Circa 18 mesi fa, abbiamo ricevuto un’e-mail da una donna, France Roseau, che abita molto vicino alla tomba di Elisabeth. Ci siamo scambiate alcune e-mail e abbiamo finito per incontrarci di persona alla tomba di Elisabeth nell’ottobre del 2017. Durante quell’incontro iniziale, Joe ed io ci siamo rapidamente resi conto della nostra limitata conoscenza del francese e abbiamo avuto la fortuna di incontrare due dei figli di France (che parlano molto bene inglese) che si sono uniti a noi per il pranzo. Questo pranzo è stato l’inizio di una meravigliosa amicizia ed è stato seguito da molte e-mail e telefonate. Abbiamo chiesto a France di scrivere una riflessione da condividere per la stagione estiva.

Io e Joe ci godremo un po’ di vacanze estive con entrambe le nostre famiglie negli Stati Uniti e in Canada, e ad agosto e settembre prenderemo una pausa dalle nostre riflessioni mensili. Risponderemo ancora alle e-mail e lavoreremo sulle richieste di preghiere, ma abbiamo voluto concedere a noi stessi e ai nostri meravigliosi traduttori (Isabelle, Giulia, Jose, Denisse e Anna) un po’ di meritato riposo. Crediamo che Elisabeth e Félix dessero molto valore al tempo dedicato a distaccarsi dal mondo indaffarato. Torneremo con una riflessione per celebrare l’anniversario del compleanno di Elisabeth giovedì 3 ottobre.

 

Riflessione di luglio 2019

Con l’inizio dell’estate, arrivano le vacanze, il meritato riposo e anche opportunità per nuovi incontri o riunioni di famiglia. Tra le persone che incontriamo, alcune possono risultare molto vicine a noi attraverso la fede, le idee, la carità … Altre, al contrario, possono sembrare molto distanti da noi e dalla Chiesa. In quest’ultima prospettiva, questi pensieri di Elisabeth Leseur attirano la mia attenzione:

“Quindi cerchiamo di essere gentili con coloro che manifestano […] quell’incredibile superficialità che caratterizza così tanti intorno a noi […]. Cerchiamo di parlare una lingua che possano capire […]. Non ha Dio fatto lo stesso con noi […]? ”

“Quelli che sembrano essere spiritualmente morti non sono sempre i meno accessibili alla parola divina; quando il legno è morto, basta solo una scintilla per incendiarlo.”

Durante questi mesi estivi cerchiamo di essere nelle mani di Dio questa piccola fiamma per gli altri. Il modo migliore? Quest’ultimo pensiero ci dice che in ogni circostanza dobbiamo fare un passo indietro attraverso la preghiera per fare spazio a Dio:

“Avendo Dio dentro di noi, compiremo sicuramente l’opera di Dio, o meglio, egli stesso la compirà attraverso di noi e meglio di noi.”

Questo è quello che auguro a ciascuno di noi per questi mesi estivi … Begli incontri e tanto riposo per tutti!

Tutte le citazioni sono tratte dal libro “Elisabeth Leseur: Selected Writings” di Suor Janet K. Ruffing.

France Roseau (de GOUVELLO da nubile) è nata a Berlino, in Germania, in una famiglia di otto figli. Suo padre era un ufficiale militare. Dopo diversi trasferimenti tra Francia e Germania, la sua famiglia si stabilì nella zona di Parigi. Dopo aver lavorato come ingegnere per 20 anni, France è adesso insegnante a contratto di fisica e chimica in diverse scuole cattoliche nell’area di Parigi. È sposata con Jean-Luc ROSEAU da più di 27 anni. Hanno cinque figli. La loro casa spirituale è l’abbazia benedettina di Nostra Signora di Randol. Un monaco di quell’abbazia aiutò France a scoprire la vita di Elisabeth Leseur attraverso il libro di Bernadette Chovelon. France abita nelle vicinanze dell’attuale luogo di sepoltura di Elisabeth; ha posto una targa sulla sua tomba per renderla più visibile e la visita regolarmente.

Richieste di preghiere

Continuiamo a ricevere richieste di preghiere e aggiorniamo periodicamente la pagina Richieste di preghiere. Se desideri aggiungere una richiesta, contattaci all’indirizzo elcause.org@gmail.com.

Con le nostre preghiere,
Jennifer e Joe MacNeil